ARZACHENA. UNA FAMIGLIA FELICE

GERMANO LAMBERTI, Presidente Collegio Processo Moby Prince
“Io volevo sapere se faccio bene a prendere atto, a desumere dalle sue dichiarazioni che nel Porto di Livorno arrivava […] una petroliera di 263 metri e si ormeggiava così e la Capitaneria non sapeva non solo quale era il punto di fonda, ma, nel limitarsi a prendere atto alla vista di questo ormeggio, ovviamente non era nemmeno in grado di contestare l’eventuale o rischiosità o improprietà dell’ormeggio stesso, diciamo del punto di fonda. È questo che io devo desumere dalle sue dichiarazioni?”

RAIMONDO POLLASTRINI, Coordinatore dell’Inchiesta Sommaria Moby Prince
“Sì …”

PROCESSO MOBY PRINCE, Verbale di udienza, 19 dicembre 1995

Partiamo per Golfo Aranci il 6 aprile, notte. Siamo di corsa. Andrea non ha dormito. Io ho dormito un’ora. Michele pure. Stefano è il più riposato anche se oramai dorme da qualche anno poche ore a notte. La causa: i ritmi del suo amore. La piccola Caterina. Arriviamo a Golfo Aranci la mattina alle 7:12. Golfo Aranci è un porto antistorico. C’è un’acqua da ormeggio greco dell’epoca classica. Siamo in Sardegna e si vede.

«   »

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17