DI

“Il ricordo é un poco di eternità”

ANTONIO PORCHIA

La luce della piccola bajour dell’Ikea illumina solo leggermente il suo volto stanco. Francesca tira su la bambina per l’ennesima volta. Anita ha ancora gli occhi chiusi ma sa dove andare a trovare il latte. Le osservo con un occhio solo, sdraiato al mio posto, supino. Saranno le tre. Sarà la quinta volta che Francesca si sveglia, allunga le braccia, prende Anita, la porta al seno e resta semi-immobile con la schiena appoggiata sui cuscini. É un’immagine meravigliosa. La forza di lei, la naturalezza della bambina, il senso di qualcosa che deve essere e punto.
Guardo il cellulare appoggiato a terra. Sì sono le tre. Ancora qualche ora distesi a letto poi mi devo alzare. É il 5 aprile 2012 ed alle 11:30 é prevista la conferenza stampa di presentazione di Ventanni.

«   »

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24