LA RICOSTRUZIONE DEI MAGISTRATI

Articolo 491 – Indennità e compenso per assistenza o salvataggio di nave o di aeromobile.
L’assistenza e il salvataggio di nave o di aeromobile, che non siano effettuati contro il rifiuto espresso e ragionevole del comandante, danno diritto, entro i limiti del valore dei beni assistiti o salvati, al risarcimento dei danni subiti e al rimborso delle spese incontrate, nonché, ove abbiano conseguito un risultato anche parzialmente utile, a un compenso. Il compenso è stabilito in ragione del successo ottenuto, dei rischi corsi dalla nave soccorritrice, degli sforzi compiuti e del tempo impiegato, delle spese generali dell’impresa se la nave è armata ed equipaggiata allo scopo di prestare soccorso; nonché del pericolo in cui versavano i beni assistiti o salvati e del valore dei medesimi.

Articolo 525 – Vizio occulto della nave.
L’assicuratore della nave risponde dei danni e delle perdite dovute a vizio occulto della nave, a meno che provi che il vizio poteva essere scoperto dall’assicurato con la normale diligenza.

REGOLAMENTO AL CODICE DELLA NAVIGAZIONE, DPR 15.2.1952, n.328 DPR 28.6 1949 n 631

Scopo di questa appendice é fornire al lettore un approfondimento informativo sulla vicenda Moby Prince ed in particolare sulla ricostruzione di quanto é accaduto la notte tra il 10 e l’11 aprile 1991, secondo la documentazione ad oggi disponibile. Quale inevitabile premessa é importante indicare come l’iter ricostruttivo di questa vicenda abbia vissuto una serie di incredibili contraddizioni.

«   »

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27