L’AQUILA. 5 APRILE 2011

Gli aquilani si sono ritrovati in piazza con cartelli con scritto “Io non ridevo” e “Riprendiamoci la nostra città” in segno di protesta alla luce delle intercettazioni divulgate negli ultimi giorni relative all’inchiesta fiorentina sugli appalti del G8, ed hanno forzato un posto di blocco all’altezza dei Quattro Cantoni, nel cuore della zona rossa, per entrare a Piazza Palazzo, considerata inaccessibile.

ANSA, 14 febbraio 2010

4 aprile 2011. Squilla il cellulare. Sul display compare la scritta “Loris Rispoli”.
“France domani io e Giacomo andiamo a L’Aquila coi viareggini”.
Cazzo. Ok. Domani è martedì 5 aprile. Io sono in giro per lavoro ora. “Ce la possiamo fare”.
Ci sentiamo con la troupe, Andrea, Michele e Stefano. In conseguenza arruolo Mirko, altro socio della cooperativa, con l’incarico di farci da assistente, perché c’è un problema: Stefano non può venire con così poco preavviso. Deve tenere la bimba. La moglie lavora in un asilo, Mediaxion assicura a Stefano la flessibilità per stare con la figlia. Il problema è che Stefano è il fonico di “Ventanni”.
Lo chiamo e vado da lui. Mi spiega il funzionamento delle attrezzature da poco arrivate. Mi mostra con il suo modo da paterno formatore come fare al meglio il tutto e io rispolvero una competenza lasciata da tempo in cantina.

«   »

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11